Come inserire la Rete Elettrica nel Letto a Contenitore

Sul mercato esistono Letti a Contenitore con Reti Elettriche già pronti all’uso, tutti i meccanismi sono dimensionati armonicamente al peso della rete, non tutti sono però disposti a sostituire completamente il letto solo per poter avere delle nuove reti.

 

Così una delle richieste più frequenti è quella riguardo alla possibilità di inserire le Reti a movimentazione Elettrica alza schiena e gambe in un letto a contenitore con rete fissa pre-esistente.

 

L’inserimento è quasi sempre fattibile ma per via delle diverse soluzioni costruttive ogni letto è un caso a sé: esistono letti la cui rete metallica fa corpo unico col meccanismo di sollevamento, reti in legno avvitate alle squadrette metalliche del meccanismo, letti con contenitori molto robusti, e letti i cui contenitori sono talmente sottili che supportano a malapena la propria rete fissa.

 

In linea generale si vorrebbe poter semplicemente sostituire la rete fissa con una rete a movimentazione elettrica senza necessariamente tener conto di alcune importanti differenze tra i due prodotti, come peso ed ingombro.

 

Infatti, anche ammesso che l’ingombro dei meccanismi sottostanti la rete elettrica permettano il semplice fissaggio alla struttura di sollevamento del contenitore pre-esistente, i pistoni a gas laterali asserviti al sollevamento del contenitore sono dimensionati per una rete fissa che può pesare anche solo un terzo rispetto alla corrispondente rete elettrica e questo gli impedirà di sorreggere la rete che si andrà ad applicare qual’ora si debba accedere al vano contenitore. Si potrebbe eventualmente sostituire i pistoni laterali con un modello adatto, della stessa misura ma più potenti, ammesso che siano reperibili in commercio e che non abbiano un costo eccessivo.

 

Bisogna inoltre considerare che le meccaniche ed i motori delle reti elettriche andranno a sottrarre parte dello spazio interno del contenitore.

 

Una soluzione percorribile può essere quella di eliminare il meccanismo a libro che permette di sollevare la rete per accedere al vano contenitore sottostante ed appoggiare la nuova rete motorizzata sulla struttura letto perimetrale pre-esistente. Il contenitore tornerà parzialmente accessibile sollevando le sezioni alza-gambe e alza-schiena.

 

Se questa modifica non viene eseguito con esperienza e professionalità espone al rischio di rottura della rete, specie se matrimoniale, infatti ogni rete a due piazze su unica struttura ha nel centro una gamba supplementare che permette di sorreggere il proprio piano. Inoltre possono sopraggiungere anche forti scricchiolii che si riveleranno durante la notte rendendo impossibile un sonno ristoratore.

 

In questo caso meglio evitare modifiche “fai da te” e rivolgersi a professionisti esperti, seri, e preparati, che dopo aver ispezionato tutte le parti del letto saranno in grado di dirvi se è possibile, e come realzzare la modifica.