Come impostare i cursori regolatori di rigidità sulle doghe del letto

Per regolare i cursori di rigidità nella zona lombare del piano di rete è sufficiente portarli in corrispondenza del proprio peso indicato sulla rete.

 

Se desideri approfondire l’argomento trovi tutte le informazioni raccolte sulla nostra aggiornatissima Guida Pratica alle Reti a Doghe.

 

Nel caso sulla rete non fosse presente l’indicazione del peso sarà sufficiente portare tutti e quattro i cursori verso in mezzo per impostare la maggiore rigidità, applicare il materasso sopra la rete, sdraiarsi supini (di schiena), e verificare il comfort sulla zona lombare.

 

Se si riscontra una rigidità eccessiva basta abbassare di un po’ tutti i cursori portandoli verso l’esterno, rimettere il materasso, sdraiarsi di schiena e ripetere la verifica.

 

Ripetere queste operazioni fino a che si raggiunge il comfort ottimale.

 

Specifichiamo che la regolazione a cursori avviene in maniera inversa rispetto a quella ad anelli (per la quale abbiamo dedicato un apposito articolo).

 

CCursori Regolatori di rigidità lombare sulla rete
Cursori Regolatori di rigidità lombare sulla rete

 

Attenzione: il peso della persona sul piano di rete deve essere ripartito, il materasso contribuisce a ripartire il peso.

 

Mai salire, sdraiarsi, o sedersi sul piano di rete senza il materasso: potrebbe comportare la rottura di una o più doghe.

2 commenti su “Come impostare i cursori regolatori di rigidità sulle doghe del letto

  1. Date istruzioni esattamente opposte nel solito articolo. Da un lato dite che per irrigidire occorre spostare i cursori verso il mezzo. Dall’altro (in “potrebbe interessati anche”) dite che invece occorre spostarli verso l’esterno.
    Non aiuta molto.
    Quale è il giusto?

    1. Buongiorno e grazie per l’osservazione. Sono corretti entreambi poiché in questo articolo si parla di CURSORI (che hanno il loro massimo punto di lavoro verso il centro della rete), mentre nell’articolo collegato descriviamo gli ANELLI che come si può facilmente intuire anche dalle immagini riportanti il peso, lavorano in maniera opposta ed hanno il loro massimo punto di lavoro verso l’esterno della rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attenzione: per poter inviare il tuo commento devi risolvere la seguente operazione matematica (anti-spam) Hai superato il limite di tempo consentito per inserire il codice di controllo. Aggiorna il codice.